Scadenza di una cambiale 

Per essere considerata valida una cambiale deve essere compilata per bene, e nel farlo dovremo fare attenzione a scrivere correttamente tutto ciò che dovremo inserirvi. Una delle cose principali da non dimenticare è la scadenza della cambiale. Questa deve per forza essere scritta sul documento, che altrimenti perderebbe il suo valore effettivo. La data indicata nella cambiale stabilisce il giorno in cui la stessa deve essere saldata, e serve come parametro anche per confermare o smentire la puntualità del debitore nel risanare il suo ammanco. Tale data viene stabilita di comune accordo dal prestatore e dal debitore, ricorrendo a una delle 3 modalità che andremo a elencare:

      Scadenza fissa. Questa tipo di data solitamente ha una cadenza mensile, e indica il giorno in cui il debitore provvedere a pagare il dovuto al creditore. Solitamente il giorno corrisponde all’entrata mensile (stipendio, affitto, eccetera) del richiedente stesso. In questo caso dovremo compilare la cambiale scrivendo: “pagherò entro il gg/mm/aa”.

      A vista. Con questa modalità il debitore ha un anno di tempo per consegnare la cambiale al suo creditore, periodo in cui avrà modo di mettere insieme la somma necessaria. L’istituto di credito che ha concesso il prestito può incassare immediatamente quanto gli spetta. Compileremo il documento con la dicitura “pagherò entro (un periodo di tempo massimo di un anno)”.

      A una certa scadenza a vista. Ovvero il creditore può riscuotere la cambiale dopo un certo periodo dalla data di accettazione – o levata di protesto. Sulla cambiale scriveremo “pagherò fra due mesi”.

Essendo la cambiale un titolo di credito esecutivo, conoscerne la scadenza è fondamentale per non incappare in un pignoramento dei beni. Infatti se il debitore non paga entro i termini prestabiliti – che lui stesso può decidere insieme al prestatore – verrà considerato un cattivo pagatore, o peggio un protestato. Dopo alcuni giorni di ritardo la banca che ci ha elargito il denaro può entrare in possesso delle nostre proprietà, al fine di rivenderle a terze persone e rientrare dei soldi spesi. Per capire meglio come funziona una cambiale – e quindi un prestito cambializzato – possiamo informarci sul seguente sito internet nella sezione sulle domande e risposte.